ama factory

PROGETTI

Fertili Terreni Teatro

Nel 2018 A.M.A. Factory co-fonda Fertili Terreni Teatro (FTT) insieme ad altre due realtà teatrali torinesi: Il Cerchio di Gesso/Cubo Teatro e Tedacà. FTT è un insieme di artisti ed organizzatori con in comune la passione per il Teatro Contemporaneo nelle sue diverse forme.

FTT è una tensione artistica che attraverso l’unione di tre teatri genera un ambiente creativo di sperimentazione e confronto tra artisti, operatori e spettatori.

FTT è un modello organizzativo e produttivo che svolge una funzione di crescita culturale e sociale nella città di Torino.

Dal 2018 ad oggi FTT:

  • realizza ogni anno una stagione teatrale diffusa (oltre 100 spettacoli di teatro contemporaneo) nella città di Torino che si sviluppa nei tre spazi Bellarte, OFF TOPIC, San Pietro in Vincoli;
  • valorizza giovani artisti e compagnie del territorio e non, attraverso attività di scouting, residenze e tutoraggio artistico;
  • sviluppa azioni per un maggior dialogo e coinvolgimento del pubblico in collaborazione con diversi soggetti del territorio, attraverso iniziative quali: Young Board, L’Italia dei Visionari, recite accessibili, Visite Guidate, Sciamu a Teatro.

Festival delle Migrazioni

Il Festival delle Migrazioni è un progetto realizzato a Torino da A.M.A Factory, Almateatro e Tedacà, che affronta uno dei temi più urgenti e attuali che percorrono l’Occidente: le migrazioni.

A partire dal 2018, ogni anno propone un variegato calendario di iniziative artistiche (teatro, musica, cinema, arti figurative), approfondimenti culturali (incontri con esperti e autori), laboratori e momenti conviviali.

Il Festival si pone come uno spazio di confronto, un necessario momento per dare significato a pratiche, parole e temi che circondano il complesso mondo delle migrazioni. Uno dei momenti più rappresentativi è la Cena delle Cittadinanze, in cui cittadini, istituzioni, operatori, associazioni e migranti si ritrovano insieme in un clima di partecipazione, incontro, dialogo e condivisione.

Le diverse edizioni del Festival hanno affrontato differenti tematiche, tra cui l’importanza del linguaggio e delle narrazioni, la questione ambientale, le migrazioni al femminile e il mondo LGBTQI+, le politiche nazionali ed europee.

Il Festival si svolge in diversi luoghi di Borgo Dora (e non solo): San Pietro in Vincoli, Scuola Holden, Ufficio Pastorale Migranti, Valdocco, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Giardino Pellegrino (Fondazione Comunità di Palazzo).
Tra gli ospiti e gli artisti delle varie edizioni: Yvan Sagnet, Tiziana Barillà, Roberto Beneduce, Amitav Ghosh, Gabriella Ghermandi, Ottavia Piccolo con l’Orchestra multietnica di Arezzo, Koreja Cantieri Teatrali, Igiaba Scego, Barbara Schiavulli, Domenico Quirico, Marco Revelli, Marco Tarquinio, Ascanio Celestini, Simone Regazzoni, Elly Schlein, Luciano Manicardi, Sabika Shah Povia, Farhad Bitani, Giorgio Brizio, Fabio Bucciarelli, Fé Avouglan, Awa, Shi Yang Shi, Bintou Ouattara, Luigi d’Elia, Cecilia Sala, Emanuele Giordana, Raffaele Crocco, Antonella Napoli, Enzo Nucci, Tiziana Ferrario e Nico Piro, Baba Sissoko, Rasid Nikolic, Alberto Boubakar Malanchino, Asmae Dachan e Francesca Mannocchi.